I piani per il primo “sito di iniezione sicuro” degli Stati Uniti sono nuovamente compromessi

Copyright dell’immagine
Getty Images

Il titolo dell’immagine

L’ultimo piano di apertura di un sito di iniezione sicuro negli Stati Uniti è stato rinnegato

I piani per aprire il primo “sito sicuro per l’iniezione di droga” negli Stati Uniti sono stati annullati a seguito della diffusa opposizione a Filadelfia.

Il centro proposto, dove i tossicodipendenti possono ricevere assistenza medica per iniettare droghe, dovrebbe aprire la prossima settimana.

Ma Safehouse, l’ente benefico dietro la proposta Safe Injection Facility (SIF), ha ritirato i suoi piani giovedì.

La risposta che ha affrontato ha portato a polemiche sul SIF negli Stati Uniti.

Domenica è stata programmata una manifestazione nel sud di Filadelfia ed è stata presentata una petizione online per impedire la creazione del sito, raccogliendo oltre 5.800 firme in 12 ore.

Lo scoppio dell’indignazione della comunità ha spinto il SIF a posticipare giorni dopo aver vinto una battaglia di due anni in tribunale per il diritto di gestire la carità.

“Anche se siamo legalmente aperti, faremo delle pause”, ha dichiarato Ronta Goldfain, vice presidente dell’associazione benefica. Il gruppo ha detto che avrebbero cercato di avere “conversazioni significative” con questa comunità prima di andare avanti.

Nel frattempo, un avvocato statunitense per il distretto orientale della Pennsylvania ha dichiarato che farà appello al verdetto che Safe House ha approvato per aprire il SIF.

Quali sono i benefici dell’iniezione sicura?

La guerra è l’ultimo ostacolo all’apertura di una struttura di iniezione sicura negli Stati Uniti.

Questi luoghi nazionali, a volte chiamati “stanze fisse”, esistono in Europa dagli anni ’80 e vi sono stati pionieri. Londra nei primi anni ’60.

I sostenitori affermano che le iniezioni di tossicodipendenti possono prevenire decessi per overdose fornendo cure mediche e raggiungendo più persone che hanno bisogno di aiuto.

La riproduzione multimediale non è supportata sul tuo dispositivo

Sottotitoli multimedialiCon l’approccio insolito di Vancouver, gli utenti di oppiacei ricevono eroina nei siti di iniezione, antidoti e persino nelle prescrizioni.

Tuttavia, sono controversi, specialmente negli Stati Uniti, dove i tentativi di aprire un SIF hanno ripetutamente fallito in questioni legali e locali.

Il sito, che avrebbe dovuto aprire a Seattle, Washington nel 2018, è stato chiuso con una causa.

Più di una mezza dozzina di Stati hanno presentato proposte a sostegno del SIF, ma allo stesso modo hanno visto lo stallo dello sforzo.

Che cosa è successo a Filadelfia?

Martedì scorso, un giudice federale ha stabilito che il piano di Safehouse di aprire un SIF in South Broad Street a South Philadelphia – un quartiere al centro di una crisi di dipendenza nella città – era legale, con l’ente benefico che annunciava piani di apertura la prossima settimana.

I residenti sono offesi da questa rapida decisione.

L’agente immobiliare locale Dino Cavalier ha dichiarato alla BBC: “Questo non è giusto solo per la comunità, ma anche per i dipendenti”.

L’area adiacente al SIF potrebbe trasformarsi in un luogo in cui i rivenditori si rivolgono facilmente ai tossicodipendenti nel loro cammino verso il sito, ha affermato Cavalier, ৫ 55. I tossicodipendenti possono anche affrontare i bambini.

Ha detto che era personale per me. “Mio figlio si è allontanato dalla dipendenza, a 22 anni.”

Una petizione online contro il SIF di Cavalier ha attirato 5.800 sostenitori in mezza giornata.

Circa 100 SIF operano attualmente in tutto il mondo, principalmente in Europa, Australia, Canada. Gli studi sono essenzialmente quelli Efficace per ridurre la quantità di eccesso.

Tuttavia, i sostenitori non sono stati in grado di sostenere le preoccupazioni dell’opposizione in merito all’aumento del consumo di droga da parte dei SIF.

Il concetto di SIF è “tutta la teoria della giustizia”, ​​ha affermato Cavalier.

“Le persone non capiscono la mentalità di un drogato”, ha detto. “Se sei davvero preoccupato, costruisci un centro di riabilitazione” ”

News Reporter

Lascia un commento