Tim Cook chiama il primo negozio indiano di Apple ad aprire il 2021

Copyright dell’immagine
Getty Images

Il CEO di Apple, Tim Cook, ha dichiarato che la società aprirà il primo negozio fisico in India nel 2021 e un punto vendita online entro la fine dell’anno.

Apple ha dovuto ottenere un’approvazione speciale da parte del governo indiano per aprire un negozio senza un partner locale.

L’annuncio è stato fatto in occasione dell’assemblea annuale degli azionisti della società.

Durante l’incontro, gli investitori hanno anche votato per una proposta che cambierebbe il modo in cui l’impresa dovrebbe reagire quando il governo chiedesse di rimuovere le app dal mercato.

Sebbene la misura non sia stata approvata, proposte simili in passato sono fallite con un margine ridotto.

Il trasferimento di Apple in India, il secondo più grande mercato di smartphone al mondo, era atteso per un po ‘, ma l’annuncio fino ad oggi era nuovo.

Nel 2018, l’India ha modificato le leggi per impedire ai marchi stranieri di aprire negozi monomarca nel paese. Tuttavia, Cook ha affermato che l’India ha voluto aprire il negozio con un partner Apple locale.

Cook ha dichiarato agli investitori che non pensava che Apple sarebbe stata un “buon partner”.

“Ci piace fare le cose a modo nostro”, ha detto.

Apple attualmente vende prodotti attraverso negozi di terze parti in India. Tuttavia, Samsung e Huawei sono dietro le sue vendite.

La domanda di prodotti Apple in Cina ha rallentato – anche prima dello scoppio del coronavirus – La società si aspetta che cresca in altri mercati in via di sviluppo come l’India.

Voto sui diritti umani

Apple Investors ha anche votato per una proposta di modifica del modo in cui gestisce le richieste del governo per le app rimosse dal suo App Store.

La proposta ha costretto Apple a rispettare pubblicamente “la libertà di espressione come diritto umano”.

Il governo cinese ha intrapreso l’azione rimuovendo le app di Apple, inclusa un’app che ha permesso ai manifestanti di Hong Kong di rimuovere le sanzioni cinesi su Internet.

I sostenitori della mossa affermano che le violazioni dei diritti umani in Cina sono state fondamentali quando Apple ha richiesto la rimozione di tali applicazioni.

La misura è stata annullata ma ha ricevuto circa il 40% dei voti.

Passaggi simili sono stati proposti in passato ma non hanno mai ricevuto così tanto supporto.

Due gruppi consultivi degli azionisti, Glass Lewis e Institution Shareholder Services, hanno votato a favore della proposta.

Preoccupazioni del virus coronarico

Cook ha anche affrontato l’impatto che Coronavirus ha avuto sulle operazioni di Apple.

Il gigante della tecnologia ha avvertito gli investitori all’inizio di questo mese che avrebbe perso la sua stima degli utili trimestrali a causa dello scoppio. Molte delle piante cinesi che producono ingredienti per i prodotti Apple – come i suoi laptop iPhone e MacBook – sono state chiuse o gestite con una capacità limitata per ridurre la diffusione della malattia.

All’assemblea degli azionisti, gli investitori hanno permesso ai dirigenti di Apple di porre domande su altri sviluppi dell’azienda.

Un investitore ha chiesto perché la società non ha acquistato i diritti per la prossima riunione della serie TV Friends – che HBO è pronta per Max.

Cook ha affermato che uno spin-off non starebbe al passo con il marchio di Apple TV Plus, incentrato sul contenuto principale.

News Reporter

Lascia un commento