NYT: avvocato americano per guidare le indagini russe per indagare se le agenzie di intelligence statunitensi hanno nascosto informazioni

Il Times riferisce che l’avvocato statunitense John Durham è stato citato in giudizio Il procuratore generale William Barr Per indagare, gli investigatori hanno messo in discussione i conflitti passati tra gli analisti di varie agenzie di intelligence statunitensi sulla condivisione di informazioni altamente sensibili sull’interferenza con i piani della Russia per le elezioni statunitensi negli Stati Uniti.

Durham e il suo team investigativo hanno esaminato le e-mail e hanno intervistato un piccolo gruppo di analisti segreti di diverse agenzie statunitensi, tra cui la CIA, l’FBI e le agenzie di sicurezza nazionale, sul motivo dietro le controversie, in modo che alcuni cercassero l’accesso alle informazioni da altre agenzie, ma secondo il Times, È stato interrotto

I portavoce di Durham, CIA e NSA non erano tutti d’accordo nel commentare il Times. Il Dipartimento di Giustizia ha rifiutato di fornire al Times dettagli sul lavoro di Durham.

I funzionari dell’FBI e dell’NSA hanno detto a Durham e al suo team che la loro spiegazione è errata e che non riflette il modo in cui la comunità di intelligence degli Stati Uniti lavora.

Durham si concentra sui conflitti tra la CIA e l’NSA sull’identità dell’IA Informatore della CIA Chi era all’interno del governo russo, riferisce il Times.

Secondo il Times, gli analisti della NSA volevano che l’informatore valutasse maggiormente la credibilità delle informazioni sulla fonte. Inizialmente la CIA era riluttante a divulgare dettagli sulla fonte segreta della Russia, ma la fine è arrivata, secondo il Times. Secondo il documento, non è chiaro se Durham abbia intervistato l’informatore, che è stato portato dalla Russia negli Stati Uniti il ​​20 agosto.

Il Times ha detto che Durham stava anche mettendo in discussione la disputa su un set di dati. Una fonte ha riferito al Times che i disaccordi riguardavano il fatto che gli analisti della NSA fossero in grado di vedere i dati grezzi della CIA o se i dati sensibili della CIA dovevano essere filtrati prima della condivisione.

Il Times ha anche riferito che l’FBI voleva che i funzionari americani avessero accesso alle e-mail ingannevoli che il governo russo aveva precedentemente violato, che riceveva una copia di un alleato straniero e lo forniva agli Stati Uniti.

Il consiglio di Obama alla Casa Bianca si rifiuta di inviare e-mail all’FBI, che include messaggi di Obama e membri del Congresso che citano il privilegio esecutivo.

Nella valutazione di gennaio 2017, La comunità dell’intelligence americana è giunta a questa conclusione Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato una “campagna di influenza” volta a ferire e sostenere il candidato democratico Hillary Clinton Presidente Donald Trump Nelle elezioni presidenziali delle 20 presidenziali. La CIA e l’FBI avevano “un’alta fiducia” nel verdetto e l’NSA era “una fiducia moderata”.

Secondo il Times, la linea di domande di Durham sembra indicare come gli analisti dell’intelligence statunitense abbiano raggiunto le loro conclusioni e se la CIA abbia avuto un ruolo nel sollevare sospetti su Trump e la Russia nell’FBI.

Fonti che hanno familiarità con l’indagine hanno riferito al Times che Durham sembra essere alla base dell’idea che l’ex direttore della CIA John Brennan avesse speculato sul Cremlino e impedito ad altre agenzie di visualizzare informazioni sensibili sulla sua agenzia.

“Penso che sia semplicemente sciocco. Esistono attualmente indagini penali sul giudizio analitico e le attività della CIA nel tentativo di proteggere la nostra sicurezza nazionale?” Brennan ha detto su MSNBC giovedì.

il le volte In precedenza era stato riferito che Durham aveva richiesto alla CIA l’e-mail, il registro delle chiamate e altri documenti di Brennan.

Brennan ha anche affermato in precedenza che non avrebbe avuto “nulla” e che sarebbe stato “felice” di parlare con gli investigatori che “stava conducendo una revisione in modo equo e appropriato”.

.

News Reporter

Lascia un commento