autorità Annunciato domenica Gli agenti di polizia sono arrivati ​​a casa a Città del Messico nel fine settimana per trovare Ingrid Escamilla morta, scuoiata nel suo corpo e parti mancanti del suo corpo – l’ultimo caso di un crimine violento in corso contro le donne in Messico.

Anche un uomo di 46 anni, coperto di sangue, era sul posto ed è stato arrestato. Le foto e i video trapelati in seguito hanno rivelato che un uomo insanguinato apparentemente ha confessato la pugnalata di una donna che ha detto che in seguito, è stata una discussione accesa che ha minacciato di ucciderlo, prima di dargli la pelle per dare prove. La CNN non è stata in grado di determinare se l’uomo ha una rappresentanza legale.

Il sindaco di Città del Messico Claudia Schoenbaum afferma che i pubblici ministeri chiederanno la massima punizione per il presunto autore, che secondo la polizia era il marito della donna.

Shinbaum ha scritto su Twitter, “La femminilizzazione è un crimine blasfemo. È sorprendente quando l’animosità come Ingrid Esmeralda raggiunge il suo apice.”

Ma i tabloid locali e i siti web di notizie digitali hanno pubblicato una grafica raccapricciante e lo sdegno del caso orribile è aumentato solo dopo che è trapelata l’immagine del corpo della vittima. Le immagini sulla prima pagina di un documento chiamato Pasla mostravano “Era colpa di Kazi”. La CNN ha contattato Pasala per un commento.

La pubblicazione ha suscitato indignazione da parte dei leader del paese, che sono scesi in piazza negli ultimi mesi per chiedere un cambiamento nel modo in cui gestiscono e denunciano casi di violenza contro le donne.

Il presidente messicano Andres Manuel L েজ pez ha criticato la risposta dei media all’uccisione di Obrador.

La procura di Città del Messico sta indagando sulle perdite di dipendenti civili e sta considerando la distribuzione di immagini delle vittime come un crimine, afferma la nota.

Giovedì Lopez ha riferito a una conferenza stampa a Obrado che la persona responsabile delle fughe di foto dovrebbe essere rimproverata. “È un crimine che deve essere punito, qualunque esso sia”, ha detto.

Il femminicidio – uccidere le donne a causa del loro genere – è aumentato in Messico negli ultimi anni; Ci sono stati 1.006 casi nel 2019 rispetto ai 912 dell’anno precedente.

Proteste orientali sul tasso di prove incentrate sulla FEMA in Messico.

Secondo il procuratore generale messicano Alejandro Gertz, i femidi sono aumentati del 137% negli ultimi cinque anni, ha dichiarato Gartz in una conferenza stampa all’inizio di questa settimana che “se la giustizia non è disponibile per gruppi vulnerabili come anziani, bambini e donne,” non faremo il nostro lavoro “.

Tuttavia, i gruppi per i diritti delle donne affermano che pochissimi omicidi sono classificati come femtide e che non sono stati assicurati abbastanza maltrattamenti.

“Il Messico deve affrontare una grande sfida nella violenza contro le donne”, ha dichiarato il National Institute of Women del Paese in una dichiarazione mercoledì, citando la vergogna dei media sui media.

Il gruppo ha dichiarato: “Fornire immagini di atti criminali, sostenendo crimini che coinvolgono sensibilità, malizia, satira e amarezza, ha reintegrato, vietato la violenza e minacciato la dignità, la privacy e l’identità delle vittime e delle loro famiglie”.

Hanno anche aggiunto che la pubblicazione è a rischio di interrompere il processo “necessario per garantire l’accesso alla giustizia” e hanno invitato le compagnie dei media a “lavorare eticamente”.

Nel tentativo di combattere il rilascio delle immagini, molti hanno pubblicato foto di Eskimla che vivono sui social media, mentre altri l’hanno taggata in post che mostrano scene di bellezza naturale, tra cui il tramonto e il cielo stellato.

Gruppi e sostenitori femministi dovrebbero tenere la marcia venerdì e sabato in città.

Jack Guy della CNN ha contribuito al rapporto.

.

News Reporter

Lascia un commento