Lilli Gruber: “Il governo resiste? Le tensioni sono evidenti, ma anche l’interesse di stare insieme “

Lilli Gruber, domani “Otto e Mezzo” ricomincia. Cosa prevedi per questa stagione politica?
“Come tutti gli italiani, aspetto chiarimenti. Vorremmo capire di cosa è fatto il nuovo potere e dove andrà il viaggio quando passeremo dalle parole alle azioni. Per quanto riguarda Otto e mezzo Non prometto nulla di nuovo, ma piuttosto continuità, con una tradizione di ascolto attento e discussione composta. È il DNA di Otto e Mezzo che, credo, spiega il suo successo. Nei 245 episodi della scorsa stagione, abbiamo avuto 300 ospiti diversi. Sarà ancora così quest’anno, questa ricchezza di testimonianze e questa varietà di posizioni fanno anche parte della nostra specificità “.

Il governo sta saltando o resistendo?
“Nessuno può dare una certa risposta. Le tensioni sono evidenti, così come l’interesse a stare insieme per continuare a condividere il potere. Salvini ha un vantaggio perché può giocare su due tavoli ”.

Ma pensi che Salvini preferisca tornare con Berlusconi o governare con le 5 stelle?
“Penso che per il momento preferisca non scegliere. Le 5 stelle gli danno visibilità e potenza, il centro giusto è il suo amico, chi è meglio di lui? Con questa legge elettorale, non è necessario collaborare con nessuno prima del voto. ”

Il collettivo d’amore Salvini è destinato a svanire o durare?
“Qual è stato il segreto di Renzi quando ha raggiunto il 40%? Freschezza, novità, energia, promesse di demolizione e cambiamento. Alcuni di questi ingredienti si trovano in Salvini. A Renzi non è andato bene, vedremo con Salvini. L’importante è che l’Europa non collassi. ”

Di Maio sembra un po ‘oscurato. Sei nei guai?

“La Lega è una festa pragmatica con una lunga storia alle spalle. La sua gente sa giocare a politica. Le 5 stelle dopo tante parole sono state messe alla prova dei fatti: le difficoltà sono evidenti. I prossimi tre mesi richiederanno scelte chiare e forse persino spiacevoli per quanto riguarda la politica fiscale e questioni cruciali come la sicurezza sociale. Vedremo quindi se e quanto risplenderà la stella di Di Maio ”.

Davide Casaleggio era suo ospite. È il vero capo delle 5 stelle?
“Dirige quello che sarebbe stato chiamato il comitato centrale in altre occasioni. Ma le 5 stelle hanno una forte gerarchia superiore e un’autonomia periferica altrettanto forte. Casaleggio decide su questioni di potere e forse anche sulla linea, ma non è lui che scalda i cuori e raccoglie voti. Questo è ciò che pensano leader come Di Battista, con i quali apriremo anche la nuova stagione di Otto e Mezzo domani. Sarà collegato con noi dal Guatemala ”.

Quanto è importante l’imbragatura di Di Battista? Le 5 stelle sono destinate a dividersi?
“Penso che ci sia una sorta di divisione del lavoro nel team di gestione dell’M5S. Di Maio, Di Battista e Fico sono diversi ma in qualche modo complementari. Non penso che si separeranno. Anche perché il potere è una colla eccellente ”.

Tale è un primo ministro diviso per due? O ha buone capacità di galleggiamento?
“Il racconto non appare in TV. Lo corteggio da mesi. In una fase in cui la politica si è trasformata in comunicazione, il Primo Ministro è attento e pieno di parole. Forse in generale il rumore è quello che serve ”.

La7 è accusato di aver sparato allo sprint populista. Che ne dici?
“Mi sembra un’accusa infondata, soprattutto se indirizzata a una singola rete e non invece – come sarebbe più giusto – all’intero sistema mediatico in cui la presunta anti-politica, madre di tutto il populismo, ha trovato ampia rappresentanza, ma l’abbandono del populismo è un fenomeno che sfida la politica, la cultura, le cosiddette élite, i corpi intermedi. Di fronte alla crisi, sono stati ricercati i capri espiatori. che una “vaffa” era sufficiente. Ora diventa chiaro che non era abbastanza “.

Quanto rischia l’Italia? Stai preparando un’imboscata sui mercati finanziari?
“Se la politica fiscale rassicura chi investe nei nostri titoli, non ci sarà un’imboscata. Se ridiamo dei parametri e soprattutto della propaganda interna, la reazione potrebbe essere molto seria. Non siamo abbastanza forte di decidere da soli quale interesse dobbiamo pagare per il nostro debito “.

Tra otto mesi, voteremo per i campionati europei. I populisti irrompono anche in Francia e Germania?
“È possibile che il nazionalismo prevalga in Europa, che mi sembra l’aspetto più inquietante del populismo. Ritorneremmo su un modello e un’ideologia che hanno devastato il XX secolo. Spero che le alternative credibili vedranno il nei prossimi mesi. E soprattutto spero che i giovani non vengano ingannati “.

Il suo nuovo libro, “L’inganno”, racconta il difficile periodo postbellico nel suo paese natale, l’Alto Adige. La coesistenza tra i popoli europei tornerà difficile?
inganno racconta due cose tra le altre: un equilibrio basato sulla polarizzazione, quello della Guerra Fredda, e in questo contesto la radicalizzazione di questi giovani che hanno sbagliato a trovare un modo di cambiamento politico nella violenza. Oggi che abbiamo dimenticato la realtà della guerra, è un ricordo che dobbiamo piuttosto trasmettere alle giovani generazioni. Le tensioni nazionaliste che hanno causato le catastrofi del 20 ° secolo probabilmente torneranno. L’idea stessa dell’Europa rischia di crollare, che ha troppi avversari fuori dai suoi confini per permettersi di averla dentro. Il cambiamento delle regole di convivenza tra i popoli è necessario, ma è costruito con mediazione e compromesso. Le scorciatoie sono un inganno. ”

I migranti sono un problema o un pretesto?
“Sono un problema molto serio, ma non dovrebbero essere il primo problema nell’agenda politica. Noto anche che la parola integrazione è separata dal vocabolario pubblico”.

Spesso intervisti Cacciari, che ha proposto un’alleanza tra europei, incluso Macron. Calenda è d’accordo. È una buona idea?
“Sì, è una buona idea, con l’avvertimento che l’europeismo da solo non è sufficiente se non è arricchito da proposte per la difesa dei diritti sociali e civili. Aggiungerei quello della Libia in materia di immigrazione, abbiamo motivi di grave dissenso con Macron, che dovrebbe essere chiarito e risolto prima di qualsiasi impresa politica comune “.

La Merkel è finita?
“Angela Merkel è l’ultima grande erede di questa Europa del dopoguerra che ha creduto nella cooperazione e nella pace. Spero che il suo impegno politico continui in altri ruoli”.

E Berlusconi?
“Per molto tempo, si diceva che uno dei limiti di Berlusconi fosse l’incapacità di sollevare un erede per la leadership di centrodestra. Ora il successore ha finalmente un nome, Salvini, ma sfortunatamente per Berlusconi, non “non ha scelto. Ciò certifica il tramonto politico del cavaliere”.

E Renzi?
“Renzi ha sprecato un enorme patrimonio di consenso in pochissimo tempo. Soprattutto per i suoi errori e il suo entourage. Una volta conquistato, il potere da preservare richiede intelligenza politica, capacità di scegliere i migliori collaboratori, una mente chiara protetta dall’avidità “.

E i talk show hanno ancora un futuro?
“Certo! Il desiderio di capire, approfondire e confrontarsi con un futuro. ”

Cosa succederà a sinistra? Chi sarà il segretario del Partito Democratico?
“Zingaretti sta correndo per il momento. È uno dei pochi leader del PD ad aver avuto successo. Può farlo in due condizioni: riuscire a formare un team di gestione coerente e competente; questo ripristina il primato della politica di comunicazione che non mi sembra essere il suo punto di forza ”.

Conosci bene Rai. Che succede? Sta iniziando una nuova stagione di occupazione politica? O la televisione pubblica sarà più libera?
“La riforma Renzi ha rafforzato la presa dei governi sulla Rai. Quindi vedremo cosa accadrà in autunno. Per ora, posso dire che il nuovo direttore generale, Salini, che ho incontrato a La7, è un professionista solido ”.

source–>https://www.corriere.it/politica/18_settembre_08/lilli-gruber-il-governo-regge-tensioni-sono-evidenti-ma-anche-l-interesse-stare-insieme-237add6c-b3b1-11e8-98e5-ba3a2d9c12e4.shtml

You May Also Like

About the Author: Izer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *