Spot di traghetti in “stile mafioso”: dalle polemiche allo stop

Spot di traghetti in “stile mafioso”: dalle polemiche allo stop

27/04/2019 0 Di redazione
CONDIVIDI ---> FacebooktwitterFacebooktwitter

Hanno appena iniziato le corse da Trapani a Tolone e Nizza, ma sicuramente l’avvio non è avvenuto… col piede giusto. Almeno, a giudicare dalle polemiche scaturite dopo i primi passi sotto il profilo pubblicitario: la compagnia marittima Corsica ferries, che ha iniziato lo scorso 21 aprile con le corse verso la Francia, per pubblicizzare la novità ha ideato uno spot in stile mafia in cui si vede un uomo con voce da Marlon Brando nel Padrino che in un ristorante fiocamente illuminato mentre magia spaghetti dice in francese: “A quanto pare vuoi raggiungere i siciliani. Ma che cosa sei disposto a fare per venire da me“, con sottofondo musicale proveniente da un mandolino.

Il sindaco di Trapani, Giacomo Tranchida, e Rosalia d’Alì, assessore e presidente del Distretto turistico della Sicilia occidentale, hanno detto che “la Sicilia non può e non deve essere identificata unicamente come terra di mafia. Soprattutto in chiave turistica”. La reazione ha fatto subito sì che la Corsica ferries sospendesse la pubblicazione del video. 

“La compagnia ha preso atto delle reazioni negative allo spot ‘Rejoins les Siciliens’ e per questo è dispiaciuta. Lo spot, che introduceva un concorso a premi per il mercato francese, aveva il solo scopo di comunicare l’apertura della nuova linea da Tolone a Trapani, per ‘Raggiungere i Siciliani’. Gli argomenti usati (buon cibo, buona musica, belle ambientazioni familiari) erano volti raccontare le peculiarità positive dell’Isola” dice Corsica Ferries”.   

CONDIVIDI ---> FacebooktwitterFacebooktwitter