Museo Pasqualino, weekend di sogni fra pupi e… Briciole

Museo Pasqualino, weekend di sogni fra pupi e… Briciole

14/03/2019 0 Di redazione
CONDIVIDI ---> FacebooktwitterFacebooktwitter

Come ogni settimana, anche domani, venerdì 15 marzo alle 16, al Museo delle marionette è tempo di fare rivivere la tradizione, con gli spettacoli dell’Opera dei pupi. Proclamata nel 2001 dall’UNESCO capolavoro del patrimonio orale e immateriale dell’umanità, l’opera dei pupi è il teatro tradizionale siciliano delle marionette risalente al 1800. 

Sulla scena i protagonisti indiscussi dell’epopea carolingia, da Carlomagno ai paladini, rivivono nell’epico e quanto mai attuale scontro con i Saraceni attraverso personaggi difficili da dimenticare. Angelica, principessa del Catai che incanta con la sua bellezza guerrieri cristiani e non cristiani, intrecciando il tema dell’amore con quello bellico, i valorosi Orlando e Rinaldo, il negromante Malagigi, che mette le sue arti magiche al servizio del Regno di Francia.

Domenica 17 marzo alle 17.30, nuovo appuntamento con Teatro al museo, la rassegna di teatro per bambini che propone Briciole di e con Simona Malato e Marcella Vaccarino.

Un battibecco sorto intorno ad una zuppa di sassi fa da cornice a una delle più celebri fiabe di Charles Perrault. Due narratrici girovaghe, non meno affamate del padre di Pollicino, scivolano dentro il racconto quasi fosse un prolungamento della loro realtà. 
Liberamente ispirato all’originale francese, lo spettacolo di Simona Malato e Marcella Vaccarino insiste, più che sul proverbiale ingegno del piccolo Pollicino, sul delicato tema dell’abbandono, ovvero della paura e della necessità e dei modi di affrontarla. 
Perché la foresta è la fuori e richiede a ognuno di noi di essere attraversata. Una grande prova, di forza, d’ingegno e di coraggio, attende Pollicino e i suoi fratelli: un rito di passaggio che ogni bambino, ogni adulto è chiamato prima o poi ad affrontare.

Un’ora prima dello spettacolo, alle 16.30, i più piccoli potranno divertirsi con Emozioni in scena, laboratorio di socializzazione teatrale a cura della libreria Dudi sul riconoscimento delle emozioni attraverso giochi creativi e di immedesimazione a cura di Danila Taccone.

CONDIVIDI ---> FacebooktwitterFacebooktwitter