Teatro Libero, a Palermo Camilla, Giorgio e il drago

Teatro Libero, a Palermo Camilla, Giorgio e il drago

11/01/2019 0 Di redazione
CONDIVIDI ---> FacebooktwitterFacebooktwitter

Domenica 13 gennaio alle ore 17.00, per il cartellone Isola di teatro, andrà in scena al Teatro Libero di Palermo lo spettacolo Camilla, Giorgio e il drago, del teatro Fuori Rotta di Padova, in co-produzione con la Fondazione AIDA di Verona. Il testo e la regia sono di Pino Costalunga, in scena ci saranno Gioele Peccenini e Elisabetta Borille. Le musiche sono di Ugo Moro. 

«La fiaba – spiega l’autore e regista Pino Costalunga – è basata sulla Leggenda di San Giorgio e il Drago, e parla ai bambini con un linguaggio comico e un tocco di poesia di temi importanti come la natura e il rispetto dell’ambiente per farli rendere consapevoli della necessità di preservare pulito e bello il nostro piccolo grande mondo». 
I protagonisti della nostra storia sono Camilla, uno strano e simpatico Rospo, che guarda caso si chiama Giorgio, nonché un maldestro e affamatissimo Cigno e una Mosca antipatica che colleziona cacche, senza dimenticare il drago che vive in uno stagno pieno di rifiuti.
Non è che il drago nello stagno sia una scusa bella e buona per nascondere tutte quelle immondizie, che gli abitanti della città buttano in quello specchio d’acqua senza alcuna cura o preoccupazione di recar danno alla natura?
Uno spettacolo esilarante e poetico che con la forza della fiaba affronta i temi del rispetto dell’ambiente e della necessità che ognuno di noi, piccolo o grande, si prenda cura ogni giorno, ad esempio praticando diligentemente la raccolta differenziata e con l’attenzione al riciclo, della pulizia e della salvaguardia di questo nostro prezioso pianeta che si chiama Terra.

Abbonamenti e biglietti per il turno domenicale: abbonamento a 6 spettacoli 35 euro, biglietto per singolo spettacolo 12 euro (intero) e 8 euro (ridotto per under 25 e professionisti dello spettacolo). Info allo 091.6174040, 392.9199609 oppure via mail a info@teatroliberopalermo.it.

CONDIVIDI ---> FacebooktwitterFacebooktwitter